I disegni di Kounellis al MUSMA di Matera

La Dodicesima Giornata del Contemporaneo, 15 ottobre 2016, è stata l’occasione colta dal MUSMA per inaugurare “Kounellis/14 disegni/1991”. La mostra, curata da Tommaso Strinati, raccoglie quattordici bozzetti della nota installazione “Senza Titolo” che Jannis Kounellis ha realizzato appunto nel 1991.

“Definirli tout-court disegni preparatori – scrive Strinati – è riduttivo. Il segno tormentato della matita su carta bianca dà luogo ad opere autonome, delle quali a tratti sfugge quasi il rapporto con l’installazione finita, …” Ed è vero. Forse, anzi, i disegni rappresentano la declinazione intimistica e introspettiva di una poetica che nelle grandi opere del Maestro non sempre appare. O quantomeno non con le stesse struggenti dinamiche. Kounellis, oggi ottantenne, ha rappresentato in realtà uno dei principali elementi di novità dell’arte italiana contemporanea. L’idea di arte povera, che nella definizione di Germano Celant traccia in quelle esperienze artistiche precisi codici comunicativi, in Kounellis si arricchisce di pensiero classico e desiderio di rinascita. Come afferma lui stesso, è un “rivivere gli scopi”. La performance/installazione “Apollo” del 1973 ne è stata un esempio. Bene, alcune forme di questi disegni, rese avulse dallo scenario globale dell’opera, sembrano seguire questa poetica. Un po’ come accade nelle “Maschere” ed in altre opere ancora. Ma qui, in questi disegni, il linguaggio non estetizzante apre un piano di comunicazione emotiva straordinario.

mu3

Quindi davvero pregevole l’intuizione del MUSMA, proponendoli proprio nella Giornata del Contemporaneo. Perché nella rilettura della poetica visiva delle grandi esperienze c’è il senso più alto della contemporaneità. Sopiti gli aneliti e i tormenti che hanno attraversato gli scorsi decenni, si comprende meglio, nei paradigmi dell’attualità, il “value”, il valore ontologico della produzione artistica di un grande esponente. Chi apprezza Kounellis, ovvero chi apprezza l’Arte, ne riconoscerà le tracce.

 La mostra resterà aperta fino al 15 gennaio 2017.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...